Il Patrimonio

L’Opera è proprietaria di un patrimonio immobiliare nel Comune di Torino anche costituito da immobili di pregio storico ed artistico (Chiesa di Santa Pelagia ).

DESTINAZIONE del PATRIMONIO IMMOBILIARE
La destinazione d’uso degli immobili di proprietà &egrava; schematicamente riassunta nella tabella seguente:
1.800 mq. utilizzati direttamente a fini istituzionali (Nido della musica, Chiesa e complesso di Santa Pelagia)
220 mq. Casa maternità, dal 2015 (Associazione CASA MATERNITÀ PRIMA LUCE, via San Massimo 17)
600 mq. Associazione Crescendo – ISTRUZIONE FAMILIARE- Scuola Steineriana, Via delle Rosine 141.500 mq. ad uso didattico, espositivo, culturale (CAMERA Centro italiano per la fotografia – Via delle Rosine 18)
– in Via Giolitti 33, Via San Massimo 21 bis e Associazione Crescendo – Scuola Steineriana, Via San Massimo 21 bis)
2.350 mq. a usi sociali con soggetti del Terzo settore: COOP. MAMACÀ Via Bligny 18 (comunità recupero e nido d’infanzia), Fondazione AGAPE – Via La Salle 6 (2 comunità per disabili e servizi sociali);
5.700 mq. ad uso scolastico privato (VITTORIA INTERNATIONAL SCHOOL, Istituto Saint Denis, Centro Studi Omnibus) – in Via Rosine 14, Via Giolitti 33 e Via San Massimo 21 bis);

900 mq. Casa albergo, dal 2015 (via San Massimo 17)
1.300 mq. circa a servizi privati vari (autorimessa, ristorante, caffetteria)
Nell’anno 2015 l’Opera ricavato dai contratti di locazione di questi fabbricati quasi € 740.000,00.
Tra il 2000 e il 2015 sono state eseguite opere manutenzione straordinaria e restauro dei fabbricati di proprietà per destinarli agli usi descritti.
Il valore di questi interventi è quantificabile attorno a 11.000.000,00 di euro in parte dell’Opera, in parte dei locatari dei locali e in parte di Fondazioni bancarie e di contributi ex Legge 15/89 (Santa Pelagia) o DOCUP per Via La Salle e Bligny.

 

A partire dall’anno 2000 l’Opera ha avviato, anche in collaborazione con gli utilizzatori dei locali, un piano di recupero del patrimonio immobiliare che ha portato ad investimenti per circa 8 milioni di euro.

L’ultimo intervento in ordine di tempo ha riguardato l’immobile di via San Massimo 17. Con un investimento di circa € 1.700.000,00 sono stati ristrutturati a nuovo 13 alloggi di cui due (al primo piano) destinati, anche con il contributo della Compagnia di San Paolo, a sede della Casa maternità PRIMA LUCE.

Questa struttura, prima in Piemonte,